Beyonce

Video jukebox: video sempre aggiornati
Beyoncé Giselle Knowles (conosciuta con il solo nome Beyoncé) è nata a Houston, in Texas, 4 settembre 1981. E’ cantante, attrice e stilista. Ha fatto parte della girlband delle “Destiny’s Child” ed ha debuttato da solista nel 2003 con l’album “Dangerously in Love”, tra i dischi più venduti degli anni 2000 e vincitore di 5 premi Grammy, il massimo riconoscimento musicale degli Stati Uniti. Nel 2007 la rivista statunitense “AskMen” ha piazzato Beyoncé al 1°posto nella classifica delle donne piu’ desiderate del pianeta.

Beyoncé entra nel mondo della musica a 7 anni, quando incontra LaTavia Robertson a un’audizione per un gruppo di bambine. Poco dopo si unisce a due sue cugine: Kelly Rowland e LeToya Luckett. Col padre Matthew Knowles che da fa da manager, le quattro ragazze diventano le “Destiny’s Child”, avendo come ispirazione le “Supremes” (leader Diana Ross) ed i “Jackson 5” (leader Michael Jakson). il gruppo sfonda sulla tv nazionale con una performance a “Star Search”. Il primo album delle “Destiny’s Child” contiene la hit “No, No, No”. Ricevono tre premi nel 1998 ai “Soul Train Lady of Soul Awards”. Il loro secondo album, “The Writing’s On The Wall”, consente loro di affermarsi sulle scene internazionali.
Con singoli come “Bills Bills Bills”, “Say My Name” e “Jumpin’ Jumpin'”, l’album ottiene 7 dischi di platino, 2 nomination ai “Grammy”, un “Image Award” riconosciuto dalla NAACP. Il gruppo viene chiamato a contribuire alle colonne sonore dei film “Romeo Must Die” e “Men In Black”.
Nel marzo 2000 LeToya e LaTavia lasciano la band a causa di divergenze con Matthew Knowles. Mentre il caso viene risolto in tribunale, si aggregano Michelle Williams e Farrah Franklin (quest’ultima, però, abbandona dopo 5 mesi). Le “Destiny’s” diventano un trio e raggiungono la consacrazione internazionale grazie al terzo lavoro in studio, “Survivor” che le rende beniamine di MTV. La definitiva affermazione è sancita da “Independent Women Part 1”, il tema musicale di “Charlie’s Angels”, che diviene la canzone più ascoltata nelle radio di tutto il mondo (140.4 milioni di plays).
Nel 2001 Beyoncé, vincitrice del premio come Migliore Autore Pop dell’anno assegnato dalla prestigiosa “American Society of Composers, Authors and Publishers”, tenta la strada solista diventando attrice. I produttori di “Austin Powers 3 – Goldmember” le offrono la parte di protagonista femminile e per l’occasione Beyoncé sforna il suo primo singolo solista “Work it out”. Nel 2003 esce il suo primo album solista, “Dangerously in Love”. Trainato dal singolo “Crazy in Love” e dal successivo “Baby Boy”, l’album vende 317.000 copie nella prima settimana ed ottiene il disco di platino dopo un mese. In totale venderà 4 milioni di copie solo negli USA e 7 in totale. Nello stesso periodo, la giovane texana raggiunge un traguardo toccato da pochi “big”: alla cerimonia dei Grammy del 2004 si aggiudica ben 5 premi, tra cui quello per la migliore prestazione vocale di R&B in “Dangerously in Love 2” e quello per il miglior album, sempre di Rhythm and Blues.
Nel 2004 esce il quarto album delle “Destiny’s Child”: “Destiny Fulfilled”. Un titolo che è un vero annuncio di scioglimento. Quest’ulimo viene ufficialmente dato alla fine del tour “Destiny Fullfilled and Lovin’It”; l’uscita della raccolta “#1’s” mette la parola fine all’avventura delle tre bandgirl, premiate nell’edizione 2005 del “World Music Awards” come la girl-band più vincente al botteghino di tutti i tempi, con oltre 50 milioni di dischi venduti.
Nel 2006 esce un suo altro film, “La pantera rosa, in cui Beyoncé recita accanto a Steve Martin e Kevin Kline. Con il suo terzo film, esce un nuovo singolo,” Check on it”, arrivato al primo posto negli USA, dove è rimasto in classifica per 5 settimane. Il 4 settembre del 2006, giorno del suo compleanno, Beyoncé fa uscire l’album “B’Day”, anticipato dal singolo “Deja Vu”. Il lavoro viene autoprodotto con il fidanzato, il rapper Jay-Z. Il singolo estratto, “Irreplaceable”, rimane al primo posto della Billboard USA per ben 10 settimane, diventando la canzone di maggior successo del 2006. La canzone è stata prima anche a livello mondiale (per 12 settimane).
Nel 2006 Beyoncé recita nel film Dreamgirls, che racconta l’ascesa al successo di un trio musicale negli anni ’70, trio che si ispira a gruppi come quello delle “Supremes”. Il ruolo protagonista, interpretato dalla Knowles, le vale una nomination ai “Golden globe” come migliore attrice protagonista. Beyoncè partecipa pure alla colonna sonora; per l’occasione viene lanciata la struggente ballata “Listen”, canzone candidata all’Oscar.
Il secondo album, “B’Day”, viene ripubblicato nel 2007 con l’aggiunta di alcuni extra, come le versioni spagnole di “Irreplaceable” e “Listen”, “Amor Gitano” con Alejandro Fernández ed il primo singolo con Shakira, “Beautiful Liar”, che debutta nella posizione 94 nella Billboard Hot 100 per fare poi un prodigioso balzo fino alla terza posizione nella seconda settimana. Contemporaneamente esce un altro singolo tratto da “B’Day”, “Upgrade U”, suo quarto singolo in compagnia di Jay-Z.

Nel box sottostante sono pubblicati i video delle canzoni di maggiore successo di Beyoncé Knowles. I filmati sono distribuiti dalla “Sony BMG”, una delle più importanti case discografiche mondiali. Le qualità audio e grafiche sono a livello professionale. Il box si aggiorna in modo automatico.
Avviare l’esecuzione dei brani è semplicissimo, poiché basta cliccare sul brano preferito. Per fare scorrere la lista, è sufficiente trascinare col mouse la barra laterale interna. Se si desidera aumentare la dimensione dei video, basta fare click sul pulsante View Larger Video, situato in basso a destra; per tornare all’elenco iniziale, basta cliccare di nuovo sullo stesso pulsante (che nel frattempo ha assunto la scritta Browse Video List).
Quando il filmato è in esecuzione a grandezza naturale, se si vuole segnalare il video ad un amico, occorre fare click sul tasto menu (sempre in basso a destra) e sulla icona della busta che compare sovrimpressa in basso a sinistra. I comandi per iniziare o per sospendere la visualizzazione dei filmati sono play e pause.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.